Ciao sono Ania, da anni insegno yoga in tutto il mondo e ho creato Yoga Experience, una community italiana dedicata allo yoga a 360°
Iscriviti gratuitamente!

Ania e lo Yoga

In illo tempore

Ashtangi adventurer, sono nata in barca vela, non posso fare a meno del viaggio in ogni sua forma e della Natura, valore per me certo.

Non è semplice individuare il momento in cui il mio viaggio nello yoga ha avuto inizio. Da sempre sono stata affascinata dalla connessione tra il corpo e la mente e dalle filosofie alla base di questo binomio. Da sempre, ho vissuto cercando di far si che ciò che penso, ciò che dico e ciò che faccio siano all’unisono.

La mente, in particolare, ha sempre svolto un ruolo fondamentale: per anni ho studiato e lavorato come interprete di conferenza simultanea. Il passaggio da un sistema linguistico a un altro, in simultanea, e il funzionamento della memoria sono stati alla base della mia quotidianità. I miei studi universitari e personali di linguistica e filosofia mi hanno condotta al sanscrito e alla disciplina dello yoga. Uso specificamente il termine disciplina perché è così che viene descritta in lingua originale: yog darśana.

Durante i miei viaggi e i miei trasferimenti in Italia e all’estero, sono entrata in contatto con forme di yoga basate sugli asana (le posture). E un giorno, in una Napoli del 2013, in seguito a un incontro particolare, fui iniziata all’Ashtanga Vinyasa. Gli effetti della pratica sul mio stato d’animo furono magia.

Da allora ho continuato ogni giorno a srotolare il tappetino sui pavimenti e i nudi suoli del pianeta, seguendo il flusso dei miei viaggi: sono gli anni della Transilvania, della Cina, di Hong Kong, della Tasmania, dell‘India… nel frattempo portai avanti la mia pratica di Ashtanga con insegnanti autorizzati di secondo livello KPJAYI in Italia e a Parigi. Davo classi private a Roma e a Parigi.

La pratica yoga mi ha dato validi strumenti, con le sue tecniche di espansione del prana (pranayama), che entrarono nel mio lavoro mentalmente molto impegnativo di interprete di conferenza simultanea.

Poi qualche estate fa, lo yoga decise di “prendermi” del tutto: ero in Grecia in barca a vela, per l’esattezza a Parga. Praticavo come sempre Yoga al mattino presto sulla banchina, quando i miei “vicini” di barca francesi si avvicinarono chiedendomi se potessi dare loro lezioni.

Qualche settimana dopo, di rientro dalla traversata di ritorno in Sicilia, la stessa richiesta arrivò da due giovani donne che mi avevano visto salutare il sole in un posto segreto a me caro lungo la costa siciliana.

Iniziai ad approfondire l’allineamento e l’anatomia dietro alle asana (posture) che ogni giorno eseguivo, integrando lo stile hatha yoga, nonché le quotidiane tecniche di Kriya, purificazione.

Dopo alcune masterclass con diversi maestri, tra cui Lino Miele, sono andata alla fonte della disciplina.

Ho vissuto diversi mesi in India, Uttarakhand, per studiare, conseguendo la certificazione RYS 500 Yoga Alliance International, con focus specifico su Ashtanga Vinyasa Yoga e Hatha yoga.

Durante quei mesi, incontrai uno Swami, con cui passai alcune settimane in meditazione e pranayama nella sua grotta lungo il Gange. Mi è dolce il ricordo del profumo del chai che preparava con il latte fresco di mucca che mungeva alle 4 di ogni pomeriggio.

Saltai su un volo per l’Australia, dove ho praticato per più di un mese con un’insegnate autorizzata di secondo livello KPJAYI. In seguito ho continuato volando a Bali, per praticare con colui che ritengo il mio maestro, anch’egli insegnante di Ashtanga autorizzato di secondo livello KPJAYI.

Oggi insegno yoga come atto di profonda condivisione e amore per ciò che questa disciplina riesce a dare ad ogni individuo, creando uno spazio per aprire la mente, stimolare e inspirare coloro che vogliono entrare al centro del loro essere più autentico e vivere il loro potenziale.

Non amo ingabbiare il mio stile di insegnamento in un dogma o apporvi un’etichetta, ma posso dire che il mio metodo di insegnamento enfatizza l’allineamento e ha un focus meditativo e di auto esplorazione attraverso la sequenza. Ciò che la mia pratica personale mi ha insegnato, l’ashtanga vinyasa, è che il potere trasfomativo dello yoga risiede proprio nella pratica stessa.

Queste sono le energie alla base del mio viaggiare per il mondo, praticando e insegnando Yoga.

Come base, dopo anni di assenza, lo splendido capoluogo siciliano, Palermo.

E l’avventura continua!

Se vuoi ricevere news sui miei corsi e le novità sul mondo dello yoga, iscriviti alla mia newsletter.

Se vuoi seguire i racconti di questo mio viaggio nel mondo dello Yoga, seguimi su Facebook e Instagram.